Scarpe per bambini - Millepiedi

La storia di Denny, lo chef salernitano che con i suoi piatti incanta la Germania – LE FOTO

Solo 23 anni e già primo cuoco in uno dei ristoranti italiani più apprezzati del paese: Denny Caputo di Salerno con i sapori della sua terra ha conquistato i tedeschi

“Il mio compito è cucinare solo per far piacere agli ospiti. Mi sento un artigiano…”. E’ uno stralcio dell’intervista rilasciata da Daniele Caputo ad un quotidiano tedesco, la prima di una serie di meriti raggiunti dal giovanissimo chef salernitano. Si chiama Daniele, Denny per gli amici, Caputo, è di Salerno, un salernitano doc e la sua storia parte proprio dalla sua terra che si è portato dietro e anzi, continua a valorizzare anche a distanza. Oggi vive e lavora a Meerbusch, una cittadina nel distretto governativo di Düsseldorf in Germania, nel rinomato ristorante italiano Casa Rosario, a soli 23 anni Denny Caputo è il primo chef del restaurant d’eccellenza. Secondogenito dell’attore salernitano Giovanni Caputo, fratello di Alessia e Dario, fin da piccolo seguiva il padre in teatro, prendendo parte a varie commedie. Ma la sua strada era, probabilmente, un’altra, studiando all’istituto alberghiero Virtuoso ha cominciato un percorso con un obiettivo: divisa e toque blanche, la strada per diventare un grande cuoco. Dopo quattro anni di sacrifici ora si trova proprio nella cucina di Casa Rosario, da primo cuoco. La sua cucina, curata nel dettaglio, tende ad esaltare i prodotti, in particolare quelli della tradizione culinaria italiana, quelli che Denny Caputo porta sempre nel cuore, piatti che stanno letteralmente facendo innamorare i cittadini tedeschi nella zona occidentale del paese. A breve, inoltre, potrebbe raggiungerlo in Germania il fratello Dario, anche lui si sta specializzando nel settore, in particolare sulla pizza. Un sogno nel cassetto quello dei fratelli Caputo, aprire una attività tutta salernitana in terra teutonica, con prodotti nostrani e presentando i vanti del territorio nel Nord Europa.

De Angelis - Grafica e stampa

Commenti

I commenti sono disabilitati.