Assistenza computer salerno e provincia

Ecco UnisaOrienta 2018: la carica di 15mila studenti di 110 scuole

Presentato l’evento dedicato all’orientamento degli studenti degli istituti d’istruzione superiore promosso ogni anno dal CAOT dell’Università di Salerno in collaborazione con i sedici Dipartimenti dell’Ateneo

453

Circa 15mila studenti e 650 docenti prenotati in rappresentanza di 110 scuole provenienti dalle regioni CampaniaBasilicataCalabria e Puglia. Sono solo alcuni dei numeri della 14esima edizione di UnisaOrienta, l’evento dedicato all’orientamento degli studenti degli istituti d’istruzione superiore promosso ogni anno dal CAOT dell’Università di Salerno in collaborazione con i sedici Dipartimenti dell’Ateneo.

La kermesse, presentata stamani presso il Salone di Rappresentanza di Palazzo Sant’Agostino, sede della Provincia di Salerno, si terrà dal 1° al 16 febbraio 2018 (con esclusione del 12 e 13 e dei giorni di sabato e domenica) presso il Campus universitario di Fisciano. Saranno 10 le sessioni plenarie con testimoni del mondo della cultura e delle istituzioni che si terranno nell’Aula Magna di Ateneo; 432, invece, i seminari di orientamento alla scelta universitaria.

Principale obiettivo di UnisaOrienta è avvicinare le future matricole alla realtà universitaria e offrire loro strumenti utili a favorire una scelta motivata e consapevole sul futuro percorso di studio. Nell’arco delle dieci giornate dell’evento, i docenti universitari terranno seminari di orientamento, con particolare riferimento agli obiettivi formativi e agli sbocchi occupazionali dei corsi di laurea.

«Di UnisaOrienta mi piace sottolineare la progettualità e l’attenzione esclusiva ai giovani. Siamo giunti alla 14esima edizione e questo non è un caso», ha dichiarato il Rettore dell’Università di Salerno, Aurelio Tommasetti. «La nostra manifestazione dedicata all’orientamento degli studenti in ingresso è un evento che si costruisce tutto l’anno, attraverso il lavoro dei nostri delegati, dei docenti e naturalmente del Centro CAOT. Se le statistiche evidenziano che nel primo anno di iscrizione all’Università si registra la più alta percentuale di abbandono, riteniamo che una consapevole ed oculata scelta del percorso da affrontare consente, senza dubbio, di frenare questo dato – ha proseguito il Rettore -. È per questo che immettiamo così tante energie in UnisaOrienta, occasione ampia per mostrare il lavoro svolto nel tempo in sinergia con i Dipartimenti, i Consigli didattici, le rappresentanze studentesche e tutta la comunità di ateneo per accogliere e guidare al meglio i nostri futuri studenti. In questo percorso rimane fondamentale il rapporto consolidato nel tempo con il mondo della scuola nell’ottica dello scambio reciproco. Ringrazio sin da ora tutti i docenti degli Istituti superiori partecipanti che accompagneranno gli studenti in questa dieci giorni di esplorazione del nostro Campus».

Boom di adesioni quest’anno, come confermato dalla professoressa Rosalba Normando, delegata del Rettore all’Orientamento: «Numerose sono le richieste di partecipazione che ancora pervengono al CAOT, tant’è che alle mattinate, originariamente previste in calendario, nei giorni 5 e 8 febbraio sono stati aggiunti due pomeriggi. Questi numeri testimoniano la diffusa consapevolezza dell’importanza strategica della sinergia Scuola/Università nelle azioni di orientamento. Nel corso delle diverse giornate, 300 docenti universitari saranno impegnati nei “Seminari di orientamento” destinati agli studenti, specificamente finalizzati a favorire una scelta consapevole del futuro percorso di studio e a sollecitare la riflessione dei giovani partecipanti sull’importanza di una formazione avanzata, e nei “Seminari/dibattito tra docenti”, incontri che costituiscono una preziosa occasione per consolidare il ponte Scuola/Università e favorire il dialogo tra i diversi soggetti coinvolti nell’orientamento. Inoltre - ha spiegato la professoressa Normando - gli studenti durante la sessione plenaria in Aula magna avranno la possibilità di incontrare personalità del mondo della cultura e del lavoro che, attraverso la propria esperienza professionale, possano testimoniare che motivazione, tenacia e passione costituiscono le giuste premesse per il raggiungimento delle aspirazioni personali. Per l’intera durata dell’evento, info-point curati da personale delle strutture e dei servizi di Ateneo forniranno ai partecipanti informazioni utili ad agevolare il percorso universitario».

Ricco il parterre dei testimonial, svelato oggi in conferenza stampa. Dopo il saluto dell’ateneo il 1° febbraio, si comincia il 2 con l’attore e regista Enzo De Caro, e si continua il 5 con Bruno Scotto (presidente di Fondimpresa-Confindustria), Simone Montedoro (attore) e Martin Castrogiovanni (Nazionale italiana di rugby); il 6 febbraio con Iside Russo (presidente della Corte d’Appello di Salerno); il 7 con Leonida Primicerio (procuratore generale di Salerno); l’8 con Corrado Lembo (procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Salerno) e Patrizio Oliva (ex pugile, campione del mondo); il 9 con Luisa Franzese (direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale); il 14 con Antonio Centore(procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Nocera Inferiore); il 15 con Gennaro Sangiuliano (vicedirettore del Tg1 Rai) e si chiude il 16 febbraio con Ciro Caravano dei Neri per Caso per il gran finale targato “Unisa in concerto”.

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.