Assistenza computer salerno e provincia

Tramonti, schiacciato dal furgone dell’amico, perde la vita

Una manovra sbagliata, non c'è stato nulla da fare per il 58enne

Federica D'Ambro

522

Incidente banale ma fatale per un uomo a Tramonti. Non ce l’ha fatta il 58enne Aniello Di Pietro che, lo scorso 27 maggio, fu investito da un furgone in manovra su una stradina privata nella piccola frazione di Pucara.

Quel pomeriggio, Aniello si trovava presso la proprietà del suo amico, il noto vivaista Angelo Amato. Proprio lui, per un brutto scherzo del destino, in fase di manovra col suo mezzo commerciale, in retromarcia ha investito il povero Aniello, schiacciandolo. Il conducente, disperato, non si sarebbe accorto della presenza dell’amico sulla rotabile interna, da subito le condizioni del 58enne erano apparse gravi. Allertati immediatamente i soccorsi, il ferito era stato trasferito in codice rosso presso il presidio ospedaliero della Costa d’Amalfi a bordo di un’ambulanza medicalizzata del 118.

Aniello, sopranominato dagli amici “o’marucchin” per via del colore della sua carnagione e dei suoi capelli ricci spesso scompigliati, è deceduto nella notte presso l’Ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno per il complicarsi delle sue condizioni. Gravissimi i danni ai polmoni e lesioni degli organi addominali da subito avevano lasciato pensare al peggio. Infatti, dopo tutte le manovre dei medici, e le cure necessarie non c’è stato nulla da fare.

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.