Assistenza computer salerno e provincia

Salerno tra tormento e miraggio: strisce bianche e strisce blu

I DETTAGLI - Per legge ogni Comune dovrebbe avere lo stesso numero di parcheggi gratuiti e a pagamento, anche se ci sono delle eccezioni..

Federica D'Ambro

659

Stiamo lavorando per realizzare nuovi parcheggi, in piazza della Libertà, interrati e non“. E’ come un mantra che riecheggia continuamente a Salerno e tra gli uffici competenti. “Salerno ha bisogno di più posti auto“, a pagamento o gratuiti? Sono 14.181 i posti auto a pagamento (strisce blu)  in città gestiti da Salerno Mobilità Spa, in totale 8 zone che si estendono dal porto commerciale fino a Torrione e si estendono a macchia di leopardo anche a Pastena e Mercatello. Se è possibile quantificare le strisce blu, non si può dire lo stesso dei posti auto gratuiti, di cui attualmente, è sconosciuto il computo complessivo. Secondo il codice della strada, ogni Comune deve mettere a disposizione dei cittadini lo stesso numero di parcheggi gratuiti e a pagamento.

Storia nota. Passata in secondo piano o volutamente dimenticata? Torniamo indietro nel tempo: nel 2007 il Codacons, con la spinta dell’avvocato Antonio Cammarota porta il Comune di Salerno dinanzi ad un giudice del Tribunale Amministrativo, con l’accusa di ledere la tasca del consumatore, in questo caso il cittadino, a causa del numero sempre più in crescita di parcheggi a pagamento. Una “causa pilota” che li vide vincitori. In quegli anni, a Palazzo di Città c’era Vincenzo De Luca che affidò a Salerno Mobilità la totale gestione dei parcheggi a pagamento, incrementando gli stessi anche in zone dove non sarebbero dovute essere applicabili le tre eccezioni contemplate dal codice della strada. Secondo la legge, infatti, è ammissibile l’istituzione di strisce blu in assenza dei parcheggi gratuiti solo se: nei pressi di una zona pedonale, in prossimità di una Ztl o di zone di particolare rilevanza ai sensi urbanistici, paesaggistici e architettonici. E sono proprie queste zone ad essere oggetto dell’attenzione del Codacons e di Cammarota. Alcune di queste, come via Zara ad esempio, non sono di rilievo urbanistico, paesaggistico o architettonico, come testimoniava una delibera di Giunta.

“Quando vincemmo la causa, il Comune presentò subito il ricorso e vinse per un vizio di forma. In quel momento ci fermammo. I passaggi successivi spettavano ai cittadini. Il cittadino sanzionato ingiustamente può aderire in via amministrativa al Tar per l’annullamento del provvedimento, o il giudice ordinario per la disapplicazione dell’atto causativo della sanzione. Infatti, secondo una legge cardine del nostro sistema giuridico, il giudice può e deve conoscere gli effetti dell’atto e qualora lo ritenga illegittimo, disapplicarlo ai soli effetti civili. Quindi, annullando la multa. L’unico problema è il costo di tale ricorso. Ad oggi è più semplice pagarla una multa, si spende meno rispetto alle pratiche del ricorso”. Ci ha spiegato Cammarota, attualmente presidente della Commissione Trasparenza del Comune di Salerno. Una multa per aver parcheggiato senza “grattino” sulle strisce blu costa meno di un ipotetico ricorso che consta di esborsi relativi a: iscrizione, presentazione della documentazione, patrocinio di un legale. A questi bisogna aggiungere i tempi lunghi sia di discussione del ricorso che di eventuale risarcimento del maltolto.

Le proteste del 2007 sono finite nel dimenticatoio. Più o meno consapevolmente. In quasi 11 anni, poco è cambiato: le strisce blu ed i parcheggi a pagamento sono in costante aumento e restano nelle competenze di Salerno Mobilità. Il Codacons continua “ad incitare i cittadini a non posizionare le auto in quelle zone“. La zona orientale di Salerno, vanta il numero più alto di parcheggi gratuiti, mentre per le strade del centro sono un vero miraggio, solo nella zona della Lungoirno c’è qualche striscia bianca, rarissime come detto, trovarne altre in città. La domanda che molti salernitani si fanno, a Salerno c’è lo stesso numero di strisce bianche e strisce blu?

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.