Pizzeria Betra Salerno

Salernitana, niente distrazioni

Vietato pensare fin d'ora al Benevento

Nicola Roberto

590

Le parole se le porta via il vento ed anche le polemiche hanno la prerogativa di essere sterili. Per questo, mai come ora, la Salernitana non deve che pensare solo a se stessa concentrandosi sul prossimo match senza disperdere un prezioso patrimonio di energie mentali (e di punti in classifica).

Il Benevento ha alzato il tiro, sollevando sospetti, più o meno velati, chiamando in causa l’eccessivo – a suo modo di vedere – impegno del Melfi nel match del Vigorito. Polvere, solo polvere. Di quella che si deposita sugli scaffali e si accumula negli angoli più reconditi. Da rimuovere sì, ma senza farsi prendere dall’ansia.

Ci sarà l’occasione per dare una bella spazzolata, ora, però, val la pena pensare solo al Savoia. Il 7 marzo diventerà un appuntamento decisivo solo se la Salernitana sarà stata in grado di vincere al Giraud e, pertanto, sarà rimasta nella scia della capolista che gonfia il petto ed alza i toni, magari perchè stare lassù dà un po’ le vertigini se non ci sei abituato.

Per Menichini l’unico pensiero è il Savoia, avversario in difficoltà ma voglioso di riscatto per dare una sterzata alla stagione ed alla classifica, ma anche per farsi bello davanti ai suoi tifosi che hanno momentaneamente sotterrato l’ascia di guerra, rimandando contestazioni e polemiche al tempo debito.

I granata domenica avranno un impegno ostico, ma dovranno uscirne con i tre punti per proseguire l’inseguimento al Benevento, atteso all’Arechi il 7 marzo. E’ il momento di non distrarsi, di non abboccare all’amo lanciato dai sanniti nel mare sempre pescoso della cultura del sospetto che è il male endemico del calcio italiano.

Sotto, allora, col Savoia. Servono i tre punti per restare a galla. Poi si penserà al Benevento ed a quella polvere da togliere…

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.