Pizzeria Betra Salerno

Salernitana-Catanzaro, la carica degli ex

Sanderra, Giandonato e Mounard pronti a fare lo sgambetto ai granata

Roberta Sironi

479

Quella contro la Salernitana sarà una gara dal sapore tutto particolare per tre giallorossi. Nella fila del Catanzaro militano infatti elementi che fino a poco tempo fa sono stati legati ai colori granata. Ex, forse, dal dente avvelenato, perchè hanno lasciato la Salernitana non senza qualche recriminazione. A partire dal tecnico Stefano Sanderra. Subentrato a Carlo Perrone il 18 luglio 2013, fu esonerato il 21 ottobre dopo otto giornate di campionato, complice un difficile inizio di stagione, caratterizzato da risultati negativi e soprattutto da un cattivo rapporto con parte dello spogliatoio. Alla guida del Catanzaro dallo scorso novembre, dove ha raccolto la pesante eredità di Moriero, Sanderra sta inanellando buoni risultati e c’è da scommettere che domenica ci terrà particolarmente a fare bella figura contro la squadra del suo ex presidente Lotito. Altro ex Manuel Giandonato. Gioiellino made in Juventus, è passato al Catanzaro durante la sessione invernale del calcio mercato. Nonostante la sua ottimaa tecnica, con Menichini non aveva trovato spazio ma con Sanderra sta dimostrando tutto il suo valore. Giandonato, ancora legato da un profondo rapporto di amicizia con molti calciatori granata, quando può torna a Salerno, città che tutto sommato non gli aveva fatto mancare stima ed affetto. Per l’ex bianconero domenica sarà una gara particolare perchè, amarcord a parte, Giandonato vorrà sicuramente fare bella figura davanti ad un allenatore, Menichini, che non aveva creduto in lui. Ma l’ex più più atteso è Davide Mounard. Per quattro anni croce e delizia della Salernitana targata Claudio Lotito, l’estroso attaccante è passato al Catanzaro dopo che nella squadra granata gli erano state chiuse tutte le porte. Mounard però a Salerno ed alla Salernitana ha dato tanto. Sposato il progetto del Salerno Calcio, è stato uno dei protagonisti della promozione dalla serie D alla seconda divisione. Con Perrone il rapporto è sempre stato caratterizzato da alti e bassi e, complice un lungo infortunio, Mounard è scivolato pian piano ai margini della squadra. Fino alla rottura definitiva avvenuta lo scorso gennaio. Mounard però è rimasto nel cuore dei tifosi della Salernitana ed il suo affetto per i colori granata è rimasto immutato anche se ha cambiato casacca. C’è da stare certi che domenica a Catanzaro il francese sarà applaudito dai tifosi granata che si sposteranno in Calabria per sostenere Pestrin e compagni.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.