Assistenza computer salerno e provincia

Rapina in banca a Capaccio, arrestati due pizzaioli napoletani

Avevano studiato alla perfezione il colpo, entrambi sono stati portati a Fuorni

admin

775

I militari della Stazione di Capaccio Scalo intorno alle 13.30, guidati dal Luogotenente Serafino Palumbo, sono intervenuti tempestivamente presso l’istituto di credito della filiale “Banca popolare di Bari”, dove era in atto una rapina, intercettando i due rapinatori (Tella Teodoro e Russo Mario, entrambi classe 1990, pizzaioli rispettivamente di Casoria e di Napoli, incensurati), proprio mentre stavano tentando di guadagnare la fuga dall’ingresso principale della banca, aiutati dai Carabinieri del Comando di Salerno che hanno provveduto a chiudere tutte le vie di fuga possibili per i due.Dalla ricostruzione della dinamica dei fatti, condotta anche mediante rilievi tecnici con il supporto di personale specializzato del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Agropoli, è emerso che i due rapinatori si erano introdotti nell’istituto di credito, armati di taglierino, poco prima dell’intervento dei militari della Stazione di Capaccio Scalo e, dopo aver immobilizzato due cassieri e tre clienti presenti legando loro mani e piedi con del nastro adesivo telato, avevano asportato la somma di 10.215 euro presente nelle casse correnti, tentando di guadagnare la fuga.I due giovani avevano organizzato il colpo nei minimi dettagli: si erano introdotti nella banca in un momento di scarsa affluenza, avevano immobilizzato gli operatori e i clienti conducendoli in un luogo del locale non visibile dall’esterno scongiurando eventuali allarmi da parte di persone del posto, avevano pianificato la via di fuga mediante il trasporto ferroviario fino al capoluogo campano e addirittura uno dei due indossava un doppio paio di pantaloni, in modo tale da poter essere meno riconoscibile una volta lasciato il centro di Capaccio. Il tempestivo intervento dei militari ha consentito di bloccare i due rapinatori prima che potessero fuggire, di recuperare l’intero bottino, restituito al direttore della banca e i due taglierini utilizzati sono stati sottoposti a sequestro.Durante le fasi della rapina, uno dei due cassieri, a seguito di una breve colluttazione con i malviventi, ha riportato lesioni fisiche lievi ed è pertanto stato accompagnato presso il vicino PSAUT per gli accertamenti di prassi.Infine i due arrestati sono stati associati presso la Casa Circondariale di Salerno-Fuorni, a disposizione dell’Autorità giudiziaria di Salerno.

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.