Presidio degli infermieri, in protesta al Ruggi

Sindacalisti chiedono assunzioni e maggiore assistenza sanitaria

Federica D'Ambro

671

Hanno attivato il presidio, proprio in queste ore, all’ospedale Ruggi d’Aragona i sindacati Cgil, Usb e Nursind, per chiedere più assunzioni per gli infermieri e maggiore assistenza sanitaria, soprattutto in vista del periodo estivo. Secondo quanto è stato dichiarato dagli stessi sindacati, il personale è ridotto all’osso, mancano ausiliari socio-sanitari, operatori socio-sanitari e infermieri. I protestanti con un documento hanno sintetizzato tutte le necessità dell’ospedale:

“Le emergenze del Ruggi stanno esplodendo mettendo in discussione l’assistenza nei reparti che sono coinvolti direttamente nell’area dell’emergenza-urgenza: pronto soccorso, osservazione
breve intensiva, medicina d’urgenza, chirurgia d’urgenza, traumatologia. L’approssimarsi del periodo
estivo fa temere per la tenuta dei livelli essenziali di assistenza, cioè garantire l’emergenza urgenza e assistenza alle patologie tempo dipendenti (infarti, ictus, traumi, emorragie). Stessa preoccupazione desta il percorso nascite per la carenza di infermieri, ostetriche e per difficoltà nel percorso nascite nei presidi annessi di Cava e Mercato San Severino”.

Seguiranno aggiornamenti

Commenti

I commenti sono disabilitati.