Assistenza computer salerno e provincia

Preso a Milano il dottore salernitano Gaetano Polichetti: latitante dal 2011

LA STORIA E TUTTI I DETTAGLI - Il medico psichiatra era scappato dopo la condanna, documenti falsi e una vita finta ma lo ha "incastrato" la visita di un familiare

1089

Nei giorni scorsi i Carabinieri di Salerno hanno messo fine alla lunga latitanza durata 7 anni di un noto professionista di Roccapiemonte, il dottor Gaetano Polichetti, medico psichiatra.

LA CONDANNA

Il dottore era stato condannato in primo grado alla pena di 12 anni di reclusione, con sentenza confermata in Appello, per i delitti di violenza sessuale aggravata dall’abuso della condizione di inferiorità psichica, perpetrati nei confronti di almeno due pazienti.

Polichetti, affermato psichiatra, utilizzava la terapia per costringere le sue pazienti a subire rapporti sessuali e a sottoporsi a pratiche degradanti per “permettere la discesa dello Spirito Santo”. In seguito al passaggio in giudicato, dopo la pronuncia della Corte di Cassazione che confermava le precedenti statuizioni, beneficiava della prescrizione con riguardo ad una delle vicende in relazione alle quali era stato tratto in giudizio, fatto dal quale conseguiva la riduzione della condanna a 6 anni.

LA LATITANZA

Dopo la pronuncia della Cassazione però Polichetti si rendeva irreperibile, restando latitante ininterrottamente dal 2011 ad oggi.

Le ricerche, sin da subito, sono state estese anche all’estero ma hanno avuto un forte impulso solo a partire dall’inizio di quest’anno grazie all’intervento del Nucleo investigativo del comando provinciale Carabinieri di Salerno, coordinato dalla Procura del tribunale di Nocera Inferiore.

Nel corso delle attività è emersa l’esistenza di un complessa rete familiare mobilitata al fine di proteggere la latitanza di Polichetti che, insieme alla moglie, utilizzava un numero imprecisato di documenti di false identità, che gli hanno consentito sino ad oggi di godere indisturbato di una immeritata libertà.

L’ARRESTO

L’arresto è avvenuto nella tarda serata di sabato, colto di sorpresa Polichetti che insieme alla moglie occupava un appartamento nei pressi di Piazzale Loreto al centro di Milano.

I militari hanno rintracciato Polichetti al termine di un pedinamento dei suoi familiari, iniziato a Roccapiemonte e conclusosi a Milano, nei pressi di una abitazione dove trascorreva la latitanza in compagnia della moglie. Il 74enne è stato così associato alla casa circondariale di Milano San Vittore.

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.