Pizzeria Betra Salerno

I PRECEDENTI – L’unica gioia granata al San Nicola firmata Bombardini e Palladino

Lo scorso anno una bella prova della Salernitana di Torrente ma niente punti

Enzo Sica

357

E’ la partita dell’anno, quella che le due tifoserie, Bari e Salerno attendono con ansia da quando le due squadre militano in serie B. Il grande affetto, il gemellaggio, il rispetto che regna tra queste due tifoserie porterà oltre duemila tifosi granata al San Nicola che tiferanno insieme sia nella curva barese che in quella destinata ai supporters granata. Purtroppo questa gara arriva in un momento di difficoltà per entrambe le squadre. Il Bari partito per disputare un torneo d’avanguarda è ai margini della zona play off dopo aver cambiato già tecnico (Stellone sollevato dall’incarico sostituito da Colantuono) mentre la Salernitana è alle prese con una “pareggite acuta”, visto che con nove pareggi in sedici gare è al comando di questo poco invidiabile primato, con l’inaspettato ribaltone in panchina dopo le dimissioni di Sannino. Stranamente, però, il pareggio è stato il risultato più gettonato nei quindici incontri fin qui disputati al San Nicola con sette vittorie dei padroni di casa, altrettanti pari e una solo, striminsita vittoria della Salernitana. L’ago della bilancia è nettamente favorevole ai biancorossi, dunque, che sabato cercheranno con tutti i mezzi di risalire la china. La squadra di Sannino, però, vorrebbe dare una soddisfazione ai propri sostenitori, arrabbiati e delusi dopo il pareggio interno contro la Pro Vercelli.
Fa rumore la vittoria dei baresi nel 2009 con Antonio Conte in panchina. Gara vinta sul filo di lana dai baresi con Barreto autofre di un gol capolavoro su punizione. In quella gara ci fu anche uno spiacevole episodio. Masiello, attuale laterale dell’Atalanta, colpì con una testata Luca Fusco, cosa non gradita ovviame nte sia dai salernitani che dai baresi. L’ultimo pareggio nel 2002 con in gol Vignaroli per la Salernitana e Palmieri per i galletti pugliesi.
Il successo granata, l’unico come detto, 12 anni fa. Fu un esaltante 1-3 in un San Nicola con una cornice di pubblico eccezionale. Bombardini, prima e poi Palladino (doppietta) misero al tappeto il Bari. Ed il gol di Carrus per i padroni di casa (il sardo qualche anno dopo fu acquistato dalla Salernitana) non bastò per evitare la brutta sconfitta.
Lo scorso campionato con Vincenzo Torrente in panchina la squadra granata iniziò bene la gara riuscendo a mettere in difficoltà i padroni di casa (oin panchina c’era Camplone per i galletti). Ma non bastò un gol di Donnarumma che pareggio la rete iniziale di Pippo Maniero a 13 minuti dalla fine. Dopo pochissimi minuti dal gol granata una rete di Valiani mise al tappeto la Salernitana. Che beffa davvero. Ma sabato si potrebbe invertire il trend? Ci sperano i tifosi granata che ricordano come i “fratelli” baresi nelle due gare dello scorso camòpionato non fecero a nessuno. La squadra pugliese fece il pieno di risultati sia al San Nicola che nella gara di ritorno a Salerno.

di Enzo Sica

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.