Assistenza computer salerno e provincia

Omicidio Ferrara: Dario ucciso per un debito di 100 euro?

Continuano le indagini degli inquirenti

Federica D'Ambro

631

Il 25 aprile scorso perse la vita il giovane 21 enne Dario Ferrara, le indagini continuano e il movente dell’omicidio sembrerebbe essere stato un mancato pagamento da parte di Dario di 100 o 150 euro destinati per comprare dell’hashish dall’amico F.P.F. Quest’ultimo un 25enne è ora sotto accusa per omicidio volontario premeditato. Un’accusa che può portare anche alla condanna dell’ergastolo.
Il 25enne si è sempre difeso sostenendo di non aver avuto mai avuto intenzione di colpire né tantomeno di uccidere il 21enne e che nella colluttazione Dario era finito a terra. Secondo il medico legale, Dario sarebbe stato colpito due volte, con un corpo sferoidale (compatibile con un casco), alla testa, nella parte alta della testa e dietro un orecchio. Il giovane non aveva lesioni alle mani. Il quadro, per la procura, sembrava portare verso l’omicidio con il dolo eventuale, ossia F.P.F. avrebbe colpito probabilmente all’improvviso il suo “amico”, accettando la possibilità di ucciderlo, pur se non era andato lì con l’intenzione di farlo.
Ma secondo le indagini Dario era lì in quel parco ad aspettare una ragazza 22 enne, successivamente interrogata. Pare che la ragazza identificata dalla polizia abbia visto il 25enne F.P.F. arrivare in sella a uno scooter e pochissimi istanti dopo, con la coda dell’occhio, avrebbe notato Dario cadere in terra. È questa la ricostruzione fatta dagli inquirenti. Se le affermazioni della testimone fossero provate, potrebbe avvalorarsi la tesi della volontà di F.P.F. di fare del male a Dario.

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.