Assistenza computer salerno e provincia

Le ultime ore di Nicola, proseguono le indagini sulla morte del giovane a Positano

C'è un buco da colmare, probabilmente dopo le 4, il giubbotto con chiavi e portafoglio lasciati nel locale

605

E’ ancora avvolta nel mistero la morte del giovane Nicola Marra che è stato ritrovato senza vita dopo la notte tra sabato e domenica passata in discoteca a Positano. Il ragazzo era in uno dei valloni tra Montepertuso e Arienzo, posto raggiunto dai vigili del fuoco in elicottero e con l’aiuto del gruppo soccorso alpino speleologico regionale. Ciò che non è chiaro ancora è come Nicola sia arrivato in quella zona che, come si legge anche sul quotidiano Il Mattino oggi in edicola, non è frequentata dai cittadini di Positano. Sul caso continuano ad indagare i Carabinieri della compagnia di Amalfi, coordinati dal capitano Roberto Martina che per ore ed ore hanno cercato il 20enne napoletano. Per ricostruire gli ultimi movimenti del ragazzo sono state visionate diverse telecamere di videosorveglianza poste sul territorio. La zona dove è stato è stato trovato Nicola è preceduta da una lunga strada a gradoni, arrivando da Positano, diverse case e poi un sentiero davvero poco praticabile fino a Montepertuso. Il corpo del ragazzo giaceva purtroppo lì, in uno strapiombo di circa 30 metri, Nicola non aveva più scarpe e camicia, raccontano gli specialisti del corpo di soccorso alpino e speleologico a Il Mattino. La prima ricostruzione delle ultime ore di Nicola fa pensare che fosse da solo quando si è inoltrato lungo quella strada, lungo la strada poi è stata trovata prima ancora una camicia bianca, non aveva neanche giubbotto (che era rimasto nel locale) resta un “buco” nella serata di Nicola che sarà ricostruito dagli inquirenti anche per fornire ai cari e familiari tutta la verità su quanto accaduto la scorsa notte al ragazzo.

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.