Assistenza computer salerno e provincia
Pizzeria Betra Salerno

Il leone non morde, la Salernitana blocca il Frosinone

Termina 0 a 0 il match al "Matusa" contro la seconda forza del torneo cadetto. I granata, supportati da un ottimo Radunovic, confermano i progressi mostrati con Ascoli e Avellino

Alfonso Maria Tartarone

245

FROSINONE-SALERNITANA 0-0

FROSINONE (3-4-1-2). Vigorito, Brighenti, Ariaudo (30′ Russo) Krajnc; Paganini (36′ st Soddimo), Gori, Maiello, Beghetto; Ciano; Dionisi (20′ st Citro), D. Ciofani. A disp.:Bardi, Besea, Frara, Kone, Volpe, Matarese. All.:Longo
SALERNITANA (4-3-3). Radunovic; Casasola, Tuia, Monaco, Pucino; Minala, Ricci, Kiyine (33′ st Odjer) Di Roberto (43′ st Palombi), Bocalon, Sprocati (33′ st Zito). A disp.: Adamonis, Asmah, Mantovani, Popescu, Vitale, Della Rocca, Signorelli, Rosina, Rossi. All.: Colantuono
ARBITRO. Saia di Palermo
NOTE. Ammoniti: Ricci, Dionisi, Bocalon, Tuia, Monaco, Ciofani; minuti di recupero: 2′ pt e 4′ st.

Il leone frusinate non morde, Salernitana imbattuta in terra ciociara. Termina 0 a 0 il match contro la corazzata Frosinone. I granata, arcigni quanto basta al “Matusa”, proseguono la striscia di risultati positiva dopo i successi ottenuti con Ascoli e Avellino. LA PARTITA. Fase di studio al “Matusa” nei primissimi giri di lancette. I ciociari tentano di riscattare il cocente ko di Palermo. I granata, reduci da due successi consecutivi, sono pronti a proseguire la striscia di risultati positiva. Ed al sesto i campani sfiorano il punto dell’uno a zero con Sprocati, tocco morbido di un niente fuori misura, assistito da Bocalon. Risponde l’ex Dionisi, mano galeotta e gol annullato. La seconda forza del campionato non appare in giornata di grazia. La Salernitana e’ ben messa in campo, non disdegna di affacciarsi in area gialloblu e con il duo Di Roberto-Kiyine prova a rendere meno agevole il pomeriggio a Vigorito. Sul finale del tempo il Frosinone si affida a Paganini: stacco aereo di poco fuori misura. Nella ripresa tutt’altra musica. E’ la compagine di mister Longo a dettar legge. Gori e Dionisi, soprattutto quest’ultimo, mettono a dura prova i riflessi di Radunovic. Granata ancora negli spogliatoi. Da annotare la sola sortita avanzata di Casasola e Sprocati con l’attaccante che non riesce a controllare la sfera. E’ un vero e proprio assedio quello del Frosinone. I ragazzi di Colantuono sembrano essere alle corde. Tuia e compagnia, però, tengono botta. Sussulto granata poco dopo il quindicesimo minuto. Il tentativo di Ricci, dalla lunghissima distanza, è totalmente da dimenticare. Non disdegna il colpo ad effetto anche Di Roberto: nessun affanno per l’estremo difensore ciociaro. Il tecnico gialloblu getta nella mischia anche il salernitano Citro per cercare di scardinare il muro eretto dagli avversari. Il fantasista è subito decisivo. Passaggio filtrante per bomber Ciofani e salvataggio in extremis di Radunovic. E’ affidata a Kiyine, il più attivo dei suoi, la boccata d’ossigeno per i campani. Il marocchino, ad un passo dalla mezz’ora di gioco, scalda i guantoni di Vigorito con un doppio destro dal limite. Gli animi si surriscaldano sul manto erboso del “Matusa”. Cartellino giallo sventolato a Monaco e Ciofani. Da una parte i canarini, vogliosi di non lasciare l’intera posta in palio, e dall’altra i granata, desiderosi di uscire imbattuti da uno dei campi più ostici della cadetteria. Per attutire la pressione, Colantuono opta per un cambio: fuori Sprocati, dentro Zito. Quando mancano sei giri di lancette al termine dei novanta regolamentari, l’exploit della Salernitana passa sulla testa di Bocalon. Il cecchino ex Alessandria rinvia, per questioni di centimetri, l’appuntamento con la marcatura. Il forcing finale, invece, è tutto dei leoni. Tanta confusione e poca lucidità, tutta a vantaggio dei campani, prima del triplice fischio di chiusura.

Assistenza computer salerno e provincia
Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.