Pizzeria Betra Salerno

Da Lupa a Lupa, il “ruggito” di Trevor dopo le ombre dell’Arechi

All'andata il centrale granata protagonista con una doppietta e una prestazione da incorniciare

Marco Rarità

652

In poco più di 1.700 minuti giocati, Trevor Trevisan in questo campionato è stato fermato solo dai risentimenti muscolari fino all’ultima gara di marzo dove il gigante di Cassino si è perso Roberto Insigne ascoltando, per la prima volta, i mugugni dell’Arechi.

Sarà lui, ancora una volta, il centrale della Salernitana nel match interno con la Lupa Roma, quella stessa squadra che un girone fa lo vide consacrarsi come un bomber d’altra categoria. Si era agli sgoccioli di novembre e la Salernitana formato trasferta diede un segnale al campionato affrontando una squadra che non aveva mai sfigurato e perso tra le mura amiche. In quella gara Trevor Trevisan dettò legge, una doppietta e un muro difensivo quasi imbarazzante.

Era un girone fa e quel ciclo è proseguito con un’altra rete a Melfi e ottime prestazioni al fianco del collega Lanzaro. Le non perfette condizioni hanno inciso sull’ultima partita giocata in casa con la squadra calabrese e il centrale ex Padova vuole riprendersi quel posto che ha lasciato in ombra, per completare il ciclo e guardare da vicino il traguardo per cui ha lavorato in oltre 1.700 minuti.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.