Scarpe per bambini - Millepiedi

In caso di incidente l’auto chiama i soccorsi: succederà da quest’anno

No, non si tratta del potere speciale posseduto delle auto in un film di fantascienza: a partire dal 2018, in Europa i veicoli chiameranno i soccorsi da soli in caso di incidente

84

Facciamo un passo indietro e chiariamo il contesto. Nel 2017 in Italia, su un milione di abitanti, 56 sono morti in incidenti stradali. Il numero totale è impressionante: più di 3.000 persone sono morte nel nostro Paese a causa di incidenti stradali. E gli altri Paesi europei non se la cavano meglio, così la Commissione Europea ha studiato la velocità di intervento dei soccorsi e ha capito che se i soccorsi riuscissero a intervenire prima, si potrebbero salvare fino a 2.500 vite ogni anno. Per questo dal 2018 ogni nuova auto immessa sul mercato europeo dovrà essere fornita del sistema di assistenza eCall. Questo dispositivo sarà in grado di chiamare i soccorsi in caso di incidente, comunicando con precisione la localizzazione del veicolo. Il vantaggio è duplice: la velocità della richiesta di intervento e la precisione con cui i soccorritori saranno in grado di localizzare il veicolo.

Il sistema sarà inoltre in grado di fornire ai soccorritori informazioni rilevanti sia sul veicolo che sui passeggeri. Verrà infatti comunicato il numero di persone presenti nel veicolo e il loro stato di coscienza. I soccorritori sapranno anche prima di arrivare sul luogo dell’incidente se gli airbag sono intervenuti a seguito dell’impatto, quali danni ha riportato l’auto e in quale senso di marcia viaggiava al momento dell’incidente. Tutte informazioni che permetteranno ai soccorritori di giungere preparati sul luogo del sinistro. E per i veicoli già in circolazione? Le possibilità per tutelarsi grazie a questo dispositivo salvavita sono due. La prima prevede l’installazione di eCall sul proprio veicolo, sostenendo una cifra pari a qualche centinaio di Euro. Non tutti i veicoli, però, sono predisposti per l’installazione. In questo caso si potrebbe pensare di vendere la propria auto (magari utilizzando i servizi di compravendita di auto usate come Noicompriamoauto.it) e acquistare un nuovo veicolo predisposto con il sistema eCall.

E la privacy? Molti utenti si sono interrogati sulla tutela dei propri dati personali, visto che eCall è in grado di rilevare moltissime informazioni sull’uso che facciamo della nostra auto. La Commissione Europea ha pubblicato un documento in cui conferma che eCall è un sistema dormiente, che si attiva solo in caso di incidente e che non registra nessun dato riguardante il veicolo in condizioni normali.

Matterello - Pizzeria a salerno

Commenti

I commenti sono disabilitati.