Pizzeria Betra Salerno

I 12 a contratto: valigie e lucchetti

Tanti "bloccati" in difesa, Pucino attende il rinnovo, potrebbe restare Popescu

Carmine Raiola

389

La stagione è da poco finita ma la Salernitana attendendo i verdetti dei play-off di Serie B e di Lega Pro che daranno il via alla costruzione della rosa, inizia a valutare il ruolo dei dodici uomini di sua proprietà.
In base alle decisioni di Colantuono, infatti, molti di questi calciatori potrebbero lasciare la squadra granata facendo dunque diminuire il numero di uomini su cui costruire la rosa.
In questo momento, i più certi di andare via  sono Sprocati e Signorelli.
Il primo, come già noto, ha attirato su di se le attenzioni dei club di massima serie sin dallo scorso anno, dunque il suo “salto” di categoria sembra ormai cosa certa ed inevitabile.
Signorelli, invece, ha già dato il suo saluto “social” alla Salernitana dopo solo un anno, il suo futuro dovrebbe essere comunque in Serie B con tanti club cadetti pronti ad ingaggiarlo.
Più folta è la schiera degli incerti.
Non sicuro della permanenza in granata è, innanzitutto, Gigi Vitale che, dopo un finale di stagione sottotono, ha visto le possibilità di indossare nuovamente la maglia del cavalluccio diminuire, con il Lecce in pole position per acquistarlo in caso di sua partenza.
Discorso simile vale anche per Odjer, cercato nuovamente dal Livorno a cifre che però non convincono ancora Fabiani a dare il placet per un suo trasferimento.
Ai nomi appena fatti, vanno aggiunti, inoltre, quelli di Rosina, Popescu ( con tanti club di Serie C interessati ad entrambi) e Di Roberto.
Certi di rimanere in granata, invece, sono Casasola che non verrà ceduto a meno di un’ offerta irrinunciabile, Mantovani che ha conquistato la stima e la fiducia di Colantuono, Pucino che dopo l’ ottima stagione disputata dovrebbe rinnovare a breve, Bernardini il quale (a meno di ribaltoni) dovrebbe tornare ad essere parte del progetto granata e Bocalon su cui la società vuole puntare ancora.
L’ obiettivo primario della dirigenza è quello di consegnare l’ 80% della rosa a Colantuono  prima del ritiro di Rivisondoli ma la chiusura anticipata del calciomercato potrebbe cambiare tutto, visto che i tempi di costruzione della rosa quest’ anno si accorceranno notevolmente rispetto al passato.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.